News
 
Outdoor

2018 - on going
A rural landscape
2013 - on going
- Selected

Exhibitions — 
2018
- Unfolding Pavilion
2016 - 17
- INNESTI | Graftings 

Ideas & Competitions 
2019
- Back to the Autogrill
2018
- It’s like it has always
been there

- I am a (real) monument!
- B.
2017
- An imaginary facade
- Ferrara utopica
- Art-Stop Monti
-Triangolar Vortex

2016
- Two Lamps
- Existenszminimum for
an Art Studio


Commissioned —
2018
- Monument à Torcy
2016
- OHR

Festivals & Residencies —
2017
Premio Antonio Giordano
2016
Art-On Cascina
2015
BoCS Art

Collaborations —
2016-19
- Metaphora

Press
Shop
Contact 

About 
ROBOCOOP is an experimental and research art duo project with a background in architecture, currently living between Rome and London.  

Mark

BoCS Art 




© ROBOCOOP

BoCS Art / Cosenza, IT
September, 2015


New perspectives 

Murales during an Art-Residence

Il  lavoro per la residenza BoCs Art a Cosenza ha visto la produzione di due interventi site-specific su muro, dopo un’analisi sull’architettura moderna legate al luogo e alla città.

Il primo intervento è stato realizzato sulla facciata del box/residenza.
E’ una rielaborazione di un affresco su San Lorenzo (1447) di Fra Angelico attraverso l'innesto fotografico di una prospettiva dell’ UNICAL (Università delle Calabrie) di Gregotti Associati, complesso universitario limitrofo alla città.
La scena sacrale viene inserita in una prospettiva centrale, non più interna, ma esterna: il porticato viene sostituito e sfondato idealmente dal ponte sospeso dell'Università, nucleo peculiare e spina fondante del progetto stesso. Un nuovo percorso, una nuova prospettiva.


© ROBOCOOP

© ROBOCOOP

Il secondo intervento è stato realizzato in modo non autorizzato dentro il campus universitario dell'UNICAL: in questo caso è stato rielaborato “Storia di Virginia” (1498), una tempera di Sandro Botticelli, sempre con un prospetto del complesso universitario di Gregotti Associati.
La scena nel transetto di una chiesa viene inserita in un nuovo contesto: dall'interno all'esterno, il catino absidale viene bucato con uno dei prospetti, quasi astraendolo nei suoi elementi (trave reticolare, corpi scala), che diventano decorazione architravata.


© ROBOCOOP




Mark